È a Modena, città del Circuito, il miglior ristorante del mondo

image_pdfimage_print

Riconoscimenti internazionali, primati nelle classifiche mondiali: le città d’arte spiccano massimo_bottura__foto_pedro_grifolnel 2016 per la quantità di titoli enogastronomici ricevuti.

È di ieri la notizia che l’Osteria Francescana dello chef Massimo Bottura, a Modena è stata riconosciuta quale “Miglior ristorante del mondo” nella prestigiosa classifica dei “The World’s 50 best restaurants 2016”.

Da otto anni nella top-ten della classifica dei migliori ristoranti del mondo, quest’anno Francesco Bottura ha raggiunto la vetta: la sua Osteria Francescana, a Modena, è il miglior ristorante del mondo. Nelle sue parole, il segreto per questo successo è stato “Conoscere tutto e poi dimenticare tutto ma prima conoscere tutto”. Grazie a questo riconoscimento mondiale ci sarà una spinta ulteriore per il turismo enogastronomico, che lo chef definisce come “masticare il territorio”.

Questo primato assoluto si aggiunge alla ricca messe di titoli che nel 2016 sono stati riconosciuti alle Città d’Arte della Pianura Padana, in campo gastronomico.

 

Da quest’anno infatti Parma è capitale creativa della gastronomia UNESCO. Il riconoscimento, per la prima volta attribuito a una città italiana, rappresenterà la gastronomia con i suoi prodotti di qualità comeParmigiano Reggiano, Prosciutto di Parma e culatello, entrando a far parte della lista Unesco in cui si contano oltre 60 città di 32 Paesi diversi, facendo da volano per lo sviluppo economico e la promozione turistica.

Anche le città d’arte lombarde possono esprime al meglio la propria vocazione gastronomica nel 2017, grazie al riconoscimento ERG – European Region of Gastronomy. Le nostre città di Bergamo, Brescia e Cremona oltre a Mantova, riunite nei confini della regione Lombardia Orientale, hanno già avviato i lavori per presentare il meglio della loro produzione alimentare e vitivinicola, le esperienze del gusto, i ristoranti, le scuole di cucina e tutto ciò che ruota attorno all’enogastronomia. Il riconoscimento ERG intende migliorare la qualità della vita dei cittadini europei, puntando sulle diverse culture alimentari, su sostenibilità e salute, sull’innovazione.

“È significativo che nell’anno successivo all’EXPO dedicata a Nutrire il pianeta le città del Circuito ottengano così tanti premi e riconoscimenti. Dopo anni di lavoro, finalmente raccogliamo i frutti degli investimenti in agricoltura, in sperimentazioni, in divulgazione delle tipicità e delle eccellenze italiane”: questo il commento di Giacomo Galazzo, presidente del Circuito. “Vogliamo ricordare anche i numerosi prodotti delle nostre città, tutelati dai marchi DOP, DOC e IGP; gli chef stellati; le Strade del Gusto; le cantine, i caseifici, le acetaie e i prosciuttifici che aprono le loro porte ai turisti. Insomma, il nostro patrimonio gastronomico che finalmente diventa famoso in tutto il mondo”.

www.circuitocittadarte.it

 

Ufficio Stampa
Ornella Gamacchio
Circuito Città d’Arte della Pianura Padana
Cell 333 9493621
Email ornella.gamacchio@libero.it
Il Circuito Città d’Arte della Pianura Padana è un’associazione fondata nel 1997 da città appartenenti a tre diverse regioni dell’Italia settentrionale, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte. Attualmente aderiscono al Circuito 10 città – Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Modena, Monza, Parma, Pavia, Piacenza, Reggio Emilia – tutte legate, oltre che dal territorio, da denominatori comuni: centri storici a misura d’uomo che si affiancano a luoghi di grande interesse naturalistico, cucine prelibate con gustose varianti locali e una vita culturale vivace con eventi musicali, letterari, teatrali, artistici e cinematografici di valore internazionale.
Obiettivo del Circuito è incrementare il turismo nelle città aderenti all’associazione e fornire ai turisti un sistema di informazioni snello e veloce per conoscere le principali attrattive delle città e una serie di itinerari personalizzati.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi